fbpx
Richiedi un preventivo
Il Blog di SEO Cube

Rimani informato sulle ultime novità che ti aiuteranno a realizzare un eccellente sito web lato SEO!

19 Giugno 2013

Penguin 2.0: nel mirino siti mobile e query spam

Lo scorso maggio Google ha rilasciato il suo ultimo aggiornamento, Penguin 2.0, in seguito al quale molte cose sono cambiate nei risultati di ricerca.

Alcuni effetti di questo aggiornamento erano stati già “preannunciati” da Matt Cutts, specialmente quelli che avrebbero riguardato le “query spammose” e i siti mal configurati per il mobile.

Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire cosa accadrà nelle prossime settimane.

Per quanto concerne le cosiddette query spam, vale a dire quelle relative a settori come la pornografia o i prestiti, da tempo si chiedeva a Google di prendere provvedimenti più decisi per cercare di limitare questo “fenomeno” sempre più dilagante.

A quanto pare, le richieste sono state ascoltate e in futuro Google presterà sempre più attenzione a questo tipo di ricerche “border-line” che, sino a oggi, erano state messe in secondo piano dal Quality Team di Google: l’obiettivo che ci si pone, quindi, è di cercare di affrontare in maniera più serrata questo tipo di queries.

Le parole di Matt Cutts sono state ancor più esplicative nei confronti degli spammer, vale a dire di coloro che cercano di aggirare le “regole” per salire nei risultati di ricerca; d’ora in avanti Google andrà ancor più “upstream”, ovvero “a monte”, cosa che fa pensare come si tornerà a colpire i siti di network link ma in modo molto più deciso rispetto al passato.

Passiamo ora al mobile e cerchiamo di capire cosa cambierà per tutti quei siti che sono sbarcati sui dispositivi mobili.

A quanto sembra la strada imboccata da Google è quella di legare l’ottimizzazione di un sito per il mobile al ranking dei risultati. Nel dettaglio sembra che saranno penalizzati tutti quei siti web che presentano errori di ottimizzazione per il mobile, quindi siti che rimandano a pagine di errore o a pagine irrilevanti per gli utenti; in una parola siti configurati male per il mobile.

Ma sembra che un’importanza crescente per il posizionamento dei siti mobile assumerà anche la velocità di caricamento, il che significa che saranno penalizzati i portali lenti.

A tal proposito Google ha consigliato ai webmaster di testare il proprio sito web su quanti più sistemi mobili possibili al fine di verificarne la corretta configurazione.

Altra notizia di rilievo, la volontà espressa da Google di migliorare la comunicazione con i webmaster in maniera tale da supportali in modo più efficace nella risoluzione di problemi ai propri siti.

Stando alle parole di Cutts, quindi, per il prossimo futuro i webmaster dovranno aspettarsi indicazioni sempre più dettagliate all’interno delle notifiche dei Google Webmaster Tools; le ultime indiscrezioni parlano addirittura dell’invio, in concomitanza alla notifica, di un esempio di pagina web colpita in maniera tale da dare maggiori e più dettagliate indicazioni ai webmaster su come agire e come risolvere gli eventuali problemi riscontrati sul sito.

Richiedi un preventivo
X

Vuoi rendere più performante il tuo sito? Cerchi il supporto giusto per posizionare meglio le tue pagine su Google? Hai bisogno di una consulenza SEO?

Entra in contatto con noi e richiedi un preventivo gratuito: studieremo insieme la strategia più adatta alle tue esigenze e alle caratteristiche del tuo sito.

Compila il modulo se vuoi essere ricontattato dal nostro staff aziendale o utilizza gli altri canali per conoscere tutte le soluzioni che proponiamo per il tuo business, per avere informazioni più precise e per iniziare una collaborazione con SEO Cube.

I nostri recapiti
Via dell'Epomeo, 463 - 80126 Napoli - Tel. 081 588 11 68 / Fax 081 194 66 412

    Dati personali
    Inserire il Nome
    Inserire il Cognome
    Inserire il Numero di telefono
    Inserire un indirizzo email corretto
    Tipo di richiesta
    Messaggio