Google Hummingbird: il colibrì che rivoluzionerà i risultati di ricerca

Se anche voi come me dopo google Panda e Penguin vi aspettavate un proseguo in bianco e nero, preparatevi ad affrontare un nuovissimo google a colori!

Il nuovo algoritmo che già sta facendo preoccupare webmaster e seo è google Hummingbird (tradotto google colibrì), lanciato già da circa un mesetto per le versioni anglosassoni del motore di ricerca, ma annunciato ufficialmente solo lo scorso 26 settembre in occasione del 15° compleanno di big G.
Ma non sono i colori che hanno fatto del colibrì il simbolo del nuovo algoritmo bensì delle caratteristiche ben precise che contraddistinguono il volatile, e da ora in poi anche google: rapidità e precisione.

Cos’è Hummingbird
Hummingbird va nettamente differenziato da Panda e Penguin poiché quest’ultimi altro non erano che modifiche parziali che andavano a perfezionare l’algoritmo principale ovvero Caffeine.
Google hummingbird va invece a sostituire quest’ultimo fornendo a google un motore totalmente nuovo che andrà a cambiare il modo in cui quest’ultimo risponderà alle ricerche degli utenti.
Sostanzialmente il colibrì è in grado d’interpretare perfettamente il linguaggio naturale dell’utente basando la ricerca e le relative risposte non più sulle parole chiave ma su un linguaggio comune che il motore riuscirà a capire perfettamente dando di conseguenza i risultati sperati.
Dunque ad una ricerca del tipo “Nevicherà domani?” google riuscirà a fornire le previsioni meteo del luogo  grazie all’interpretazione della domanda, alla rilevazione della data e della posizione dell’utente.
Il nuovo algoritmo da dunque maggiore importanza alle query lunghe e complesse eliminando il concetto di “parola chiave”.
Questa novità va a sposarsi perfettamente con il mobile e con il servizio di ricerca vocale che sta diventando tra i mezzi più utilizzati grazie all’incremento dell’uso di dispositivi mobili.

Cosa cambia per i Seo?
In un mondo in cui da un po’ di anni il Seo si è basato su contenuti di qualità e utili per l’utente, ben poco…
Ma per tutti coloro che hanno fatto dei contenuti un optional potrebbe rivelarsi una vera e propria apocalisse.
Il lato positivo però è che al momento non è stata ancora annunciata la data di rilascio della versione italiana di Google Hummingbird dunque c’è ancora qualche settimana di tempo, se non per correre ai ripari, almeno per preparare il campo di battaglia…

Lascia un commento

Affidaci i tuoi progetti, noi sappiamo come realizzarli!

Richiedi un preventivo

top